Segreti Oceanici \ Geometric Gym di Lia Ronchi

Cover Lia Ronchi
Categoria Arcipelago
Segreti Oceanici

Sembra partire tutto da un’ombra, inizialmente nascosta.

Sembra la geometria il punto, ma non lo è, la geometria è il mezzo perché le ombre, quasi impazzite – sicuramente incontrollabili – si rivelino all’occhio. L’occhio dello spettatore che, inizialmente, per solidità, sceglie le geometrie, poi, per affinità emotiva, sceglie le ombre.

Lia Ronchi, Geometric Gym, 2019. Stampa alla gelatina d’argento su carta baritata. Courtesy l’artista

Geometrie fluttuanti in uno spazio non ben definito, che pur essendo la riproduzione fotografica di solidi, di solido hanno ben poco. Alcuni sembrano mettere le ali, sembrano volersi staccare da quella superficie a cui sono legati, a quello spazio a cui sono conformi. Questa volontà è possibile proprio grazie alle ombre, che hanno la capacità di rendere liberi cubi, piramidi, parallelepipedi, forme autonome, nuove, dipendenti dalle ombre, che rivelano sfaccettature brillanti, acquifere. Diventano contenitori di vuoti e pieni, bacini di acqua cristallina che sembra colare dai solidi. Strumenti indispensabili, questi, appaiono come portatori di un messaggio di trasparenza, una trasparenza che porta con sé dei segreti oceanici.

Un paradosso necessario per divenire palestra per l’occhio dello spettatore.

Lia Ronchi, Geometric Gym, 2019. Stampa alla gelatina d’argento su carta baritata. Courtesy l’artista

Lia Ronchi, Geometric Gym, 2019. Stampa alla gelatina d’argento su carta baritata. Courtesy l’artista

Segreti oceanici testo a supporto dell’opera Geometric Gym di Lia Ronchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Seguici su IG / FB

Menu
Copy link
Powered by Social Snap