Panna cotta sovversiva

ha sempre avuto la facciata del dolce semplice e innocente, perfetta da presentare ai genitori borghesi. una brava ragazza, etero e monogama con una vita sessuale che rasenta il nulla: bianca, casta, pura.

purtroppo per chi si diletta a fare supposizioni, la panna cotta si rivela una bomba carismatica e sovversiva, che vive la sua sessualità come più le piace, indossa strapon sotto la gonna e si masturba sei volte al giorno. quando le va, partecipa a sex parties e sessioni di shibari. breaking news: non se ne vergogna nemmeno un po’.

Ingredienti

panna fresca liquida 500 ml

gelatina in fogli 8 g

zucchero 80 g

basilico fresco

amic* eteronormat* a cui volete bene nonostante tutto

ora, io e derisa non abbiamo nulla contro gli/le eteronormat*. siamo le prime ad avere amic* così, solo che ci urta quando lo vogliono ostentare. vorremmo mostrare loro che esiste un modo migliore di navigare questo pazzopazzo mondo, soprattutto se le regole per te stess* le decidi tu, senza che qualcuno te le imponga dall’alto.

prendi una ciotola di acqua fresca, purificata da tutte le stronzate che cercano di insegnarci fin da piccol* (GenDeR iS BinARy, BoYs doNT CrY, GiRLs dOnt MAsTurBAte). immergici la gelatina in fogli e i cervelli ingabbiati de* tu* amic* eteronormat*. lascia risposare, l’oblio del sonno farà il resto.

prendi un pentolino, mettilo sul fuoco a fiamma bassa e schiaffaci dentro panna liquida, zucchero e basilico spezzettato, specificatamente intriso di tutta la tua più fierce propaganda queer. mescola per evitare il rischio che si agglomerino tutti quei preconcetti borghesi che potrebbero potenzialmente formare un grumo di buonismo. appena vedi qualcosa agitarsi sotto la superficie (la rivoluzione queer), togli il basilico con una schiumarola. ha fatto il suo lavoro ed è ormai esaust* di sciorinare sempre le ragioni per cui lei/lui/loro e persone come lei/lui/loro abbiano il diritto di esistere tanto quanto le persone quadrate.

ora la gelatina e i cervelli lasciati a mollo si saranno trasformati in un unico insieme fluido e resistente, pronto a infiltrarsi nelle intercapedini del patriarcato capitalista. uniscili alla miscela nel pentolino: tutto diventerà coeso e fluido. ogni sapore si distingue e possiede la sua individualità, ma il potenziale sovversivo si raggiunge solo se unit*, solidali e compatt*.

bisognerà lasciare il tutto in frigo per 3-4 ore: non essere avid*, ha bombardato di idee rivoluzionarie e perturbanti de* pover* innocenti (non troppo innocenti, solo poco consapevoli), lascia sedimentare il tutto.

gusta uno schiaffo al patriarcato. fanculo diet culture: fai come derisa e abboffati, anche di panna spray industriale schifosa se ti va.

ci vediamo alla prossima ricetta

xoxo

derisa e ornella

 

ps: un ringraziamento speciale alla signorina nitch e alle sue abilità grafiche, al caro mauro per il fondamentale contributo emotivo e infine a le toc e fleisch 023 per averci partorite e allevate.

Menu
Copy link
Powered by Social Snap